Blogger o non blogger?

Dopo circa 20 minuti di esaltante suspance su Facebook, 15 minuti passati a giocherellare con il crea-blog, e altri 5 minuti a fissare la pagina vuota, ecco che vi trovate davanti un magnifico esempio di blog in fase beta.
Per evitarci dolori da improvvise dipartite, terrò il blog in fase beta per un paio di mesi, per testare se so prendermene cura e se a qualcuno interessa leggere, quindi deciderò se impegnarmi a continuare o cancellarlo dalla faccia del web.
Vediamo che cosa succede.

Il punto però è che non sono sicura di che farmene del blog.
Potrei rispondere alle grandi curiosità del pubblico, in fondo ci sono domande che tormentano tutti e curare l’insonnia da domande esistenziali è importante. Poi i disegnatori suscitano curiosità, potrei soddisfare le grandi curiosità, per esempio: in media, quanto cioccolato consuma un disegnatore giornalmente?
La risposta è 2.8 cioccolatini al rum per gli uomini e una tavoletta intera per le donne. (ma anche no)
Nah, così non funziona.

Potrei consigliare qualche manga ogni tanto. Mostrare al mondo che leggo roba di qualità, fumetti di classe.
Di criticare manga mi sa che non se ne parla, è rischioso esprimere le proprie opinioni sul web.
Potrei fare features di disegnatori e ispirazioni…

Cosa vi suscita curiosità, lettori del mio cuoricino? Alla fine lo scopo di avere un blog è farlo leggere, mica scrivere al vento, quindi cosa potrebbe convincervi a leggere?
Inondatemi di commenti e vediamo di tirar su un blog che sia bello anche per voi 😉

4 responses to “Blogger o non blogger?

  1. se tu pubblicassi almeno un disegno alla settimana diciamo il venerdì (perchè mettere un giorno preciso è decisamente meglio di dire “una volta alla settimana” se vuoi creare un legame con il tuo pubblico, vedi il discorso della volpe al piccolo principe) e durante il resto della settimana facessi post su quello che vedi di interessante su internet (inerentemente all’argomento del tuo blog, quindi direi manga/illustrazione/giappone) credo che sarebbe fantastico.

    Ps. l’idea di consigliare qualche manga( o anime) senza farne una critica credo sia più che buona, ma non farne una cosa troppo impersonale, non è un reatò esprimere un opinione, anche se non è positiva.

    in bocca al lupo!

    • Pensavo a qualcosa di più diluito, sono sempre a giro quindi non riuscirei a postare tutti i giorni 🙂 E poi non voglio farlo diventare un lavoro a tempo pieno, il mio lavoro è disegnare no?

      So che non è un reato avere opinioni, ma non tutti se ne rendono conto e già dire “mi piacciono le mele” rischia di scatenare un’ora di “E LE PERE NO??? RAZZISTA DI EMME CREPA” perchè è così che funziona internet. Un pochino posso, ma non voglio spingermi troppo in là.

      Come idee sono valide, avere un programma mi servirà!
      E grazie! 🙂

  2. Sarebbe bello un qualcosa del tipo “Impariamo dai migliori (ma anche dai peggiori)” portando esempi ogni volta al riguardo di cose diverse tipo anatomia, acconciature, espressività dei movimenti, uso di clichè nella storia ecc. Con riferimenti a autori ritenuti validi in quelle cose ma anche con esempi di cosa non fare…

    Anche se devo ammettere che la cosa sarebbe parecchio impegnativa, implicherebbe numerose opinioni e ti costringerebbe in parte a fare da insegnante a gratis a un numero indefinito di persone ahahah

    Vabe’, è solo un’idea, spero possa dare qualche spunto 🙂

    • Come idea non è male, però appunto come dici te è come fare lezione… E mi piacerebbe che il blog non mi diventasse un lavoro.
      Ci penserò un po’, magari potrei correggere, quando ne trovo, disegni che appaiono belli ma in realtà sono piuttosto poveri, giusto per mostrare che anche i professionisti sbagliano e che non c’è nulla di cui vergognarsi 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie

Archivi